top of page

Esplorazione di oggetti rifiutati,  mappatura mentale e cartoline animate

Obiettivi:

- Conoscersi
- Potenziare l'espressione di sé utilizzando oggetti e materiali semplici
Scoprire il potenziale creativo dei materiali
- Riciclare materiali, in particolare carta e altri materiali facili da reperire

Materiale necessario :

Vecchi quotidiani o giornali
 

Obiettivi generali:

- Sviluppare competenze nella creazione di contenuti visivi e digitali e nello storytelling visivo 
- Riscoprire e riutilizzare le competenze
- Svegliare la consapevolezza sulla protezione dell'ambiente attraverso il riciclo dei materiali

 



- Donne e/o bambini provenienti da un contesto migratorio o rifugiato

Consigliato per:


- qualsiasi pubblico

Durata:

- 6 ore

1. Rompighiaccio con le statue di carta 

Durata:

30 minuti

Consigli:

- questo esercizio è ideale anche per gruppi più grandi, fino a 20 partecipanti.

- ti servirà una camera spaziosa
- potrebbe essere utile se il formatore avesse abilità nell'espressione corporea e nel teatro, al fine di animare le presentazioni e assistere i partecipanti nell'espressione

1. Con il gruppo, stai in cerchio. Ad ognuno viene dato un foglio di giornale e viene chiesto di trasformarlo da forma bidimensionale a forma tridimensionale.

Il foglio può essere accartocciato, piegato, attorcigliato, arrotolato... le possibilità sono infinite e non ci sono limiti. L'unica regola è farne una "scultura" in grado di reggersi in piedi da sola.

Dopodiché, ognuno si presenta al gruppo attraverso la sua scultura, cercando di riprodurre la forma con il proprio corpo e spiegando qualcosa di sé e perché ha voluto trasformare il foglio in quel modo.

1. Esplorare spazi e oggetti visitando il MOON Museo Officina degli Oggetti Narrativi di Potenza

Obiettivi:

 

- attraversare uno spazio e conoscerlo 

- lasciarsi ispirare da ciò che ci circonda

- riflettere sugli oggetti e sull'importanza che hanno nella nostra vita

- avvicinarsi alla narrazione attraverso oggetti trovati

- riflettere sulla geografia umana e sui confini culturali

- sensibilizzare sui valori aggiunti della diversità culturale riciclando il patrimonio visivo e le abitudini personali

Materiale necessario:

- il proprio telefono per scattare foto
 

Durata

60 minuti

Consigli:

Chi conduce il laboratorio dovrebbe aver già visitato il museo o almeno conoscerne la storia e alcuni reperti raccolti al suo interno, in modo da poter dare ai partecipanti maggiori suggerimenti e informazioni e stimolarli a vivere lo spazio.

Anche se il museo si trova a Pontenza, probabilmente nella tua località puoi trovare musei interattivi dove esplorare materiali attraverso sensi diversi

Con il gruppo percorriamo le varie teche del MOON Museo Officina Oggetti Narranti e scopriamo come i reperti museali siano in realtà cose che raccontano storie.

Successivamente, spostandoci in un'altra stanza con uno spazio libero, riflettiamo su come i musei siano luoghi che conservano la memoria di un luogo e di una comunità..

In altre parole, i musei sono capsule del tempo costruite dalle persone a beneficio delle persone: gli oggetti in un museo sarebbero muti senza visitatori...

I partecipanti, per creare i propri ricordi della mostra, possono utilizzare i telefoni cellulari per scattare foto.

 

Durante la visita alla mostra abbiamo anche utilizzato  l'App Memorabilia (l'applicazione del museo) con audioguida e ricostruzione di oggetti 3D.

3. Mappe mentali e oggetti del cuore 

Obiettivi:

 

-Migliorare la narrazione della propria casa e delle proprie abitudini parlando di oggetti emotivi che conservi o che usi abitualmente a casa 

 

- Trovare modi creativi per potenziare la costruzione e l'integrazione della comunità

Durata:

90 minuti

Materiale necessario:

Carta marrone, carta bianca, carta a tinta unita, carta nera, fotocopia di icone dei 5 sensi, giornali

Dopo aver attraversato le stanze del museo e gli oggetti in esse custoditi, proviamo a ricostruire una mappa mentale della nostra casa, cercando di ricordare come sono gli spazi e gli oggetti della nostra vita quotidiana.

Questo esercizio è legato alla pratica del Museo Spontaneo svolta dal museo MOON ospitante, secondo cui ognuno può costruire il proprio museo domestico per raccontare un argomento specifico, ad esempio un viaggio.

mappp.jpg
mapppp.jpg

Distribuiamo ai partecipanti fogli di carta da pacco marrone, formato circa A3, con matite colorate e pennarelli.

Diamo a ciascuno 5 icone ritagliate che rappresentano i 5 sensi.

map5.jpg

Ognuno dovrà disegnare a memoria la pianta della propria casa, soffermandosi sulle diverse stanze e indicando in quale stanza si trovano i 5 oggetti del cuore, ognuno legato ad uno dei 5 sensi.

Con le forbici poi ritagliano le icone e le incollano nelle diverse stanze della mappa, descrivendo l'oggetto scelto e perché esso è collegato all'olfatto, al gusto, alla vista, al tatto o all'udito.

Condividiamo poi le nostre mappe e i 5 oggetti del cuore con gli altri partecipanti, raccontando la nostra storia e le nostre diverse sensibilità.

I partecipanti sono inoltre invitati a scattare foto o realizzare brevi video (max 10”) dell'attività osservando cosa stanno facendo i loro compagni.

4. CARTOLINE OTTICHE ANIMATE
creazione di cartoline visive con tecnica Notan

e animazione con la tecnica dello stop motion

Obiettivi:

- Potenziamento delle competenze nella percezione visiva
- Riciclo dei materiali, in particolare carta e altri materiali di facile reperibilità
- Riciclare le immagini trasformandole in effetti ottici visivi
- Rafforzamento dei processi creativi e dell'educazione visiva
- Apprendimento di tecniche semplici e creative per favorire l'espressione di sé e la soddisfazione
- Rielaborare le tecniche per adattarle ai propri contesti professionali ed espressivi

- Accrescere le competenze nella documentazione visiva del processo creativo attraverso foto e video
- Acquisire nuove competenze nella creazione di contenuti digitali

Materiale necessario :

STRUMENTI ARTIGIANALI:
- carta bianca, carta a tinta unita, carta nera
- forbici
- colla stick, pasta adesiva (patafix)
- penne, matite
-  gomme, righelli
-  pennarelli colorati


STRUMENTI DIGITALI:
- lampade da tavolo
- smartphone
- Applicazione Stop Motion Studio

Consigli:

Chi guida il laboratorio dovrebbe aver sperimentato la tecnica Notan al fine di guidare al meglio i partecipanti e dare eventuali suggerimenti e soluzioni di taglio. Allo stesso tempo, l'operatore avrebbe dovuto produrre prototipi da mostrare ai partecipanti.


Chi conduce il laboratorio dovrebbe aver sperimentato o almeno conoscere i criteri di base dell'animazione in stop motion, in modo da poter guidare i partecipanti nello spostare il foglio sul tavolo e creare una storia. L'applicazione digitale utilizzata è Stop Motion Studio App e non richiede competenze particolari, basta scaricarla e installarla sul tuo cellulare.

Entrambe le tecniche possono essere apprese dai nostri tutorial:


 

Lasso di tempo:

3 ore:
90 minuti (creazione cartolina)
+90 minuti (animazione)

Ogni partecipante sceglie uno dei cinque oggetti indicati in precedenza sulla mappa. L'oggetto da scegliere deve essere semplice da disegnare in forma di silhouette, cioè deve essere riconoscibile anche solo per il suo contorno.

 

 

Ciascuno riceve una carta nera o di altro colore che farà da sfondo, e una carta bianca più piccola (grande la metà di quella colorata) per ritagliare da essa i contorni di un oggetto.

op2.jpg
op11.jpg

La figura sulla cartolina può essere creata in due modi:

1. con lo spostamento, cioè disegnando una figura molto semplice sul foglio bianco e ritagliandola senza rovinare la carta. In questo modo da una figura ne otterrete due, una nera e una bianca, una vuota e una piena,

entrambe con lo stesso valore espressivo 

2. con il ribaltamento, disegnando solo metà di una figura sul bordo del foglio nero e ritagliando.

Ribaltando la metà ritagliata otterrete due metà, una bianca e una nera, che messe insieme formeranno

l'intera figura.

Consigliamo di partire da forme molto facili da ritagliare, soprattutto se nel gruppo ci sono persone che non hanno capito bene come funziona la tecnica, per permettere loro di gestire il senso di frustrazione.

op.HEIC
op5_edited.jpg

La figura va ritagliata seguendo la linea e senza sprecare o rovinare entrambe le parti della carta, poiché si ottengono due parti: una “piena” e bianca e una “vuota” e nera.

Una volta costruite le immagini bicolore, prima di mettere la colla, i partecipanti dovrebbero pensare a come animare l'immagine con la stop motion.

Incoraggiamo inoltre i partecipanti a inventare nuovi modi di giocare con queste carte come scusa per potenziare la narrazione in cui le figure possono suggerire personaggi, scenari o situazioni.

Queste immagini possono essere anche l'occasione per organizzare una mostra dove esporre le cartoline e aprire un dibattito, illustrato dalle figure e animato da didascalia

op esempi.jpg

Prima di incollare le figure ritagliate sulla carta, invitiamo i partecipanti a pensare a come animarle attraverso la tecnica dello stop motion o fotogramma per fotogramma, che consiste nello scattare foto ripetute di un oggetto spostandolo un passo alla volta.

La sequenza delle foto darà poi l'idea del movimento e dell'animazione. L'oggetto, in questo caso l'oggetto di carta ritagliato, viene posizionato su uno sfondo nero e sotto una lampada e spostato sul tavolo con piccoli passi: il cellulare viene appoggiato su un supporto che lo tiene sempre nella stessa posizione e scatta un immagine per ogni movimento, ciascuna foto sarà un fotogramma.